Good Contents Are Everywhere, But Here, We Deliver The Best of The Best.Please Hold on!
Via Trento, 8 - Martinsicuro (TE) - Italy / Via Fausti Bonifazio, 21 San Claudio di Corridonia (MC) – Italy +39 0861 796648
Biostimolazione

Con il termine biostimolazione viso (o biorivitalizzazione, biorigenerazione, biointegrazione, bioristrutturazione, o anche mesoterapia facciale), s’intende una tecnica medica iniettiva volta a migliorare la qualità della pelle del viso.

La pelle, in generale è un organo estremamente complesso, con varie composizioni cellulari, che si rinnova continuamente. 

Il ciclo di rinnovo dei tessuti cutanei è di circa 20-30 giorni nei giovani, ma col passare del tempo diventa progressivamente più lento, poiché le cellule fondamentali del tessuto connettivo, i fibroblasti, perdono la loro capacità di produrre le sostanze essenziali che necessitano alla pelle, cioè, acido ialuronico, collagene, elastina e tutte le altre molecole che la compongono.

Inoltre, la pelle è il nostro organo di contatto con l'ambiente esterno e quindi con le radiazioni solari (la prima causa d’invecchiamento della pelle dopo l’età), con eventuali inquinanti ed è quindi sottoposto a invecchiamento e processi degenerativi causati anche da fattori esterni.

La biostimolazione del viso è una delle più richieste in questo campo, perché come ben sappiamo, il viso è la parte più esposta in tutto il percorso di vita.

Che cosa è di preciso la biostimolazione cutanea?

È il trattamento medico che mira a reintegrare alcune sostanze che il nostro organismo non è in grado di produrre in quantità sufficiente nella pelle, come l’acido ialuronico , alcuni amino acidi, il silicio…

La diminuzione di acido ialuronico nel derma è una delle maggiori cause dell'invecchiamento cutaneo, infatti, tale sostanza è in gran parte responsabile della sua idratazione, per la capacità riproduttiva dei fibroblasti e per la sintesi del collagene.

La somministrazione di sostanze attive a livello del metabolismo cutaneo, o sottocutaneo può essere paragonato all’assunzione d’integratori alimentari, solo che in questo modo con la biostimolazione cutanea l’applicazione è mirata e in grado di indurre un rapido ed efficiente rinnovo dell'organo della pelle. 

Questo tipo di trattamento è generalmente inserito in un programma di correzione a più ampio spettro che comprende anche l'uso di cosmetici adatti, di peeling chimico o laser, e l'eventuale utilizzo di filler iniettabili.

Ovviamente al paziente saranno consigliati a domicilio anche integratori orali laddove verrà ritenuto necessario.

Pertanto, il trattamento è indicato nella prevenzione dell'invecchiamento cutaneo (tempo e foto invecchiamento), ma anche come terapia complementare nel caso di un intervento chirurgico o altri trattamenti medico estetici.

Quali prodotti si usano comunemente ?

I prodotti che si usano più comunemente sono  costituiti da acido ialuronico stabilizzato di origine non animale.

Questi gel sono simili a quelli usati come riempitivi ma con maggiori caratteristiche chimico-fisiche di fluidità, che li rendono:
  • Capaci di attirare acqua e quindi idratare;
  • Stimolare la formazione di nuovo collagene;
  • Contrastare la formazione di radicali liberi;
  • Rivitalizzare la pelle

Ciascun programma di biostimolazione viene personalizzato in base alla tipologia di paziente da trattare pertanto in alternativa o in associazione all’acido ialuronico possono esser utilizzati prodotti a base di :
  • Silicio
  • Vitamine
  • Aminoacidi
  • Antiossidanti
  • Plasma ricco di piastrine (PRP)
  • Idrossiapatite di calcio diluito
  • DMAE
  • Collagene solubile

Come funziona il trattamento?

In alcuni casi precursori della sintesi di acido ialuronico e alcuni aminoacidi, che sono utili per aumentare la sintesi delle proteine essenziali a livello della pelle sono iniettati insieme sotto forma di un "cocktail" e il risultato sarà un miglioramento globale del tessuto cutaneo con il recupero di tono, elasticità e compattezza.

Quali aree si possono trattare?

Le aree più comunemente trattate sono viso, collo, décolleté, dorso delle mani, cuoio capelluto ma tutta la superficie della pelle può essere trattata. Il trattamento non è, tuttavia, efficace nel contrastare un cedimento di un tipo muscolo-cutaneo.

Il trattamento è composto da una serie di micro iniezioni (cosiddetti "mini colpi") su tutta la superficie da trattare.

In generale, sono necessari, a secondo di un protocollo che varia in base alle caratteristiche della pelle (fototipo, età, stile di vita, stress ossidativo, ecc.)  almeno 3-4 sessioni.

La procedura causa un leggero fastidio, che normalmente è ben tollerato, e lascia la pelle leggermente arrossata, che passa nel giro di poche ore.

Nelle ore seguenti il trattamento, alcuni principi attivi provocano un'attrazione abbondante di acqua con conseguente intensa idratazione.

Ciò può causare un certo gonfiore delle zone trattate, che, però, è normale e non dovrebbe causare preoccupazione perché sarà assorbito rapidamente.

Il più comune dopo-effetto è la presenza dei segni d’iniezione.

La biostimolazione cutanea ha controindicazioni?

Programmi di rivitalizzazione hanno controindicazioni rare e sono utili per tutti i tipi di pelle e fasce di età.

In realtà, questo è un metodo sia preventivo sia curativo e quindi è utile per i giovani, come prevenzione contro l'invecchiamento dei tessuti, e per i pazienti maturi (eccellenti dopo la menopausa) nel ridurre e contrastare l'invecchiamento della pelle.

Solo in caso di condizioni della pelle (come alcune malattie autoimmuni, allergie dimostrato agli ingredienti attivi utilizzati, e infezione della zona da trattare) è meglio non effettuare il trattamento.

La biostimolazione è compatibile con infiltrazioni d'apporto cutanee, utilizzati per la correzione delle rughe con:
  • Laser;
  • Luce pulsata;
  • Chirurgia.

Prima e dopo il trattamento è consigliabile non esporsi al sole o utilizzare lampade solari, evitare trattamenti estetici tipo ceretta.

È sconsigliato l’uso di cosmetici se non quelli prescritti dal medico.

La durata dei benefici di questo metodo varia a secondo della situazione iniziale e allo stile di vita del paziente (sole, fumo ecc.), ma in generale è necessario ripetere cicli di trattamento nel corso del tempo.

Presso il Come Lab viene effettuato anche un particolare protocollo di biostimolazione cutanea attraverso l’infiltrazione di idrossiapatite di calcio (Radiesse) in forma diluita. 

Con tale tecnica vengono trattate varie zone cutanee che necessitano di neocollagenesi tra cui il terzo medio ed inferiore del volto, il collo ed il decolletè, l’addome, le braccia, la zona interna delle cosce e le ginocchia.

Spesso tale processo di biostimolazione cutanea viene potenziato associandolo a sedute di radiofrequenza in modo tale da ottenere ottimi risultati nel trattamento di lassità cutanea in zone particolarmente difficili da trattare .